Di mancanza (e) di libri

Penso spesso come se stessi scrivendo, e quando poi provo a scrivere le parole fuggono via. Continua a leggere

Annunci

Il dilemma del Chronological reader


foto-19A rieccomi. Con un dilemma che mi attanaglia da mesi. Perché sarò sì impegnata col nuovo lavoro, che raggiungo in macchina, e quindi sarà anche vero che mi è stato tolto il tempo per leggere che avevo in treno (guadagnandone peraltro in tempo per le altre quisquiglie quotidiane, tipo cenare ad un orario decente), ma è altrettanto vero che il problema principale è questo: sto leggendo un libro esattamente da maggio 2013…e non l’ho ancora finito. Continua a leggere

Maggiorenne

Per dire che domani mio fratello diventa maggiorenne. Tremore intenso alle ginocchia e occhi lucidi, nel ricordare come fosse ieri la sensazione (orribile) di quando l’ho visto per la prima volta dal vetro della nursery, settimino gracilino con un carico di colpe immeritato sulle spalle, e quella invece (meravigliosa) di quando l’ho preso in braccio per la prima volta al momento di portarlo a casa, piccolo batuffolo da cui sono volati via tutti i pesi con un soffio di vento e un bacio dato sulla piccola guancia morbidissima. Amore pieno, grandissimo, vero. Continua a leggere

Apologia di una non-recensione

In questi mesi saltello tra i blog e i siti letterari, in modo particolare visito quelli che si occupano di recensioni di libri. E ogni volta penso a quanto siano professionali, con i dati tecnici dei volumi comprendenti prezzo e numero di pagine, con una descrizione più o meno, spesso meno, sintetica della trama (dicasi spoiler), con critiche puntuali e piene di riferimenti letterari. Continua a leggere